Quali metalli valgono di più

Grazie alle attività come il recupero metalli, è possibile portare degli scarti e dei metalli di scarto, farli valutare e avere così un guadagno. È una modalità molto gettonata e usata perché consente un vantaggio niente male.

L’allumino: riciclabile all’infinito

L’alluminio è un metallo molto comune che si usa tantissimo per la conservazione alimentare. Si tratta di un metallo che ha una caratteristica molto importante; si può riciclare infinte volte senza che le sue proprietà si deteriorino. Le lattine delle bibite e i barattoli delle conserve sono perfetti per esser portati al recupero metalli per farli valutare.

Il ferro: duro e resistente

Il ferro è un metallo usatissimo che si trova in moltissime realizzazioni. Ci sono arredi per esterni in ferro che quando non servono più possono essere portati al recupero metalli. Anche le parti meccaniche simili sono spesso in ferro. È un metallo che ha un valore non molto alto, ma pesa molto perciò si riesce a guadagnarci su. Poco importa se sulla superficie del metallo è presente la ruggine, una patina arancio – rossastra che è normale che si formi. Presso il recupero metalli il ferro viene rigenerato e la ruggine eliminata.

Il rame: usato per i cavi elettrici

Un metallo che vale davvero molto è il rame. È un ridotto che si differenzia per il suo colore rossiccio. Vale davvero molto e oggi è usato anche in oreficeria per produrre una lega d’oro: l’oro rosa. Il rame si trova principalmente nei cavi elettrici, ma si possono trovare anche tegami e pentole fatte in rame da portare al recupero metalli quando non si usano più. Anche se il fondo è bruciato, poco importa ai fine della determinazione del valore del rame.

L’ottone: poco diffuso ma costoso

L’ottone è un metallo che non è molto diffuso, ma ha un buon valore. capita che in vecchie abitazioni da sottoporre a ristrutturazione, ci siano ancora dei vecchi termosifoni in ottone. Questi sono una vera miniera d’oro poiché basta portarli al recupero metalli per ricevere una bella somma.

Per saperne di più, clicca qui www.recupero-metalli.it