L’arte dell’uncinetto è antica e affonda le sue radici nella notte dei tempi. Una lavorazione tradizionale e raffinata, che richiede molta manualità e altrettanta pratica e dedizione. Generalmente è una passione che si tramanda di madre in figlia, ma che purtroppo, ultimamente, si sta perdendo. Come fare quindi per avvicinare i più piccoli all’arte dell’uncinetto? Ecco qualche consiglio per rendere l’uncinetto facile per bambini e tutte le informazioni utili su dove acquistare i kit, e non dimenticare di seguire giornalenotizie.online per restare aggiornato su tutti gli ultimi trend.

Cosa serve per iniziare a creare con l’uncinetto: kit e fili

Per iniziare a realizzare le vostre opere con l’uncinetto non serve molto, se non appunto un uncinetto e un gomitolo. Oltre a questi elementi fisici, avrete poi bisogno di passione, pazienza, voglia di imparare, tenacia e tanta creatività.

L’uncinetto per bambini non ha bisogno di grandi kit o preparazioni. L’ideale sarebbe farli approcciare in modo graduale e di lasciare che si appassionino e che trovino gratificazione nei loro primi risultati, prima di inserire altre varianti. Per questo motivo in genere si può tranquillamente iniziare con un uncinetto di media dimensione, che può essere per esempio il numero 4. Di conseguenza, avremo bisogno di un gomitolo idoneo per questa specifica misura di uncinetto.

Per capire se il filo è adatto all’uncinetto basta guardare sull’etichetta presente sul gomitolo. Per essere più sicuri e ricevere delle indicazioni più precise è comunque consigliato rivolgersi alla propria merceria di fiducia. Inizialmente, comunque, non è fondamentale che il filato sia di qualità eccelsa: per imparare va più che bene uno economico.

Uncinetto per bambini: da dove iniziare?

Sia che si tratti di bambini che di adulti, iniziare a creare con l’uncinetto richiede innanzitutto una buona dose di pazienza. All’inizio può sembrare tutto piuttosto difficile e complicato, ma in realtà una volta presa la mano vi accorgerete di andare avanti senza quasi accorgervene.

I primi lavori per insegnare l’uncinetto ai bambini potrebbero essere orientati verso delle semplici lavorazioni a catenella o a maglia bassa. Con queste tecniche si possono realizzare con facilità dei coloratissimi braccialetti per tutti i gusti, ma anche decorazioni per la bicicletta, per lo zaino e via dicendo.

Lavorare all’uncinetto per i bambini può essere fonte di diversi benefici. Innanzitutto li aiuta a imparare a concentrarsi, ma anche a impegnarsi e ad avere la costanza e la tenacia di provare e riprovare finché non riescono, senza scoraggiarsi.

Inoltre, i movimenti richiesti dalle lavorazioni all’uncinetto sono piccoli, delicati e precisi. L’azione di “agganciare” il filo e unirlo agli altri coinvolge in particolare la punta delle dita e mette in relazione il movimento con la vista. Ciò permette di sviluppare anche la motricità fine. E non solo: si tratta di azioni direttamente collegate a un progetto, che il bambino deve comprendere, interiorizzare e poi realizzare. Un insieme di prerogative che, unite assieme, favoriscono l’acquisizione di competenze che saranno via via sempre più indispensabili sia nella vita accademica che lavorativa e quotidiana.

Di Grey