Porte interne: le tre principali tendenze di cui tenere conto al momento della scelta

Se stai ristrutturando casa e hai deciso di sostituire anche i vecchi serramenti, quelle che seguono sono le tre tendenze per le porte interne utili da tenere in considerazione, soprattutto se ci tieni che la tua abitazione abbia un certo stile e una certa personalità. Non c’è niente di più sbagliato infatti di pensare che, perché permettono di isolare o al contrario di mettere in comunicazione i diversi ambienti domestici, le porte abbiano un valore solo funzionale: come infissi o pavimenti arredano la stanza in cui si trovano tanto quanto lo fanno mobili e accessori, se non di più, ed è per questo che andrebbero scelte con una certa attenzione, affidandosi al proprio gusto personale soprattutto ma guardando anche a quelli che sono i trend home decor del momento.

Tre tendenze per le porte interne da non ignorare

Garofoli porte in legno

Si potrebbe scoprire, per esempio, che sono tornate di moda negli ultimi anni le porte a doppio battente così facili da trovare in campagna, nelle ville o negli appartamenti storici. Di legno, bugnate, con cornici o decorate, sono decisamente sceniche e indicate soprattutto per ambienti come salotti o zone living, spesso più ampi e che richiedono di organizzare lo spazio intorno a uno o più punti focali. Si tratta, va da sé, di una tra le tendenze per le porte interne del momento che si possono reinterpretare più facilmente dove si abbiano a disposizione più spazio o budget e tempi sufficienti per farsi realizzare delle porte artigianali e su misura.

Proprio tra le soluzioni personalizzate, le più trendy del momento sembrano essere le porte a tutta altezza: scorrevoli, a libro, a filo muro riescono a dare un particolare senso di continuità all’ambiente circostante. Vanno, però, per questa ragione scelte accuratamente nei materiali, nei colori, nelle rifiniture perché richiamino quelli del resto dell’arredamento e si adattino a essi quanto più armonicamente possibile. Solo in questo modo quella che può sembrare una soluzione formale e da ufficio si rivela versatile e adatta ai più svariati ambienti domestici: dalla zona living da separare dalla cucina alla cabina armadio comunicante con la camera da letto patronale.

Il sempre maggior numero di persone che provano ad adottare uno stile di vita più sostenibile si riflette, infine, sulle tendenze per le porte interne nella preferenza accordata a materiali naturali come soprattutto il legno. Può apparire una scelta fin troppo classica, ma il legno si è dimostrato negli anni capace di adattarsi ai più svariati – e a volte bizzarri – trend dell’arredamento. A oggi scegliere una porta in legno vuol dire, così, scegliere una soluzione evergreen che resisterà al tempo e saprà adattarsi anche a eventuali cambi di stile nella propria casa, riducendo l’impatto sulle proprie tasche tanto quanto sull’ambiente. Il consiglio è di scegliere porte di legno di buona qualità, anche in considerazione del fatto che si tratta di per sé di un materiale che non è inerte ma tende a modificarsi nel tempo. In omaggio all’ideale della versatilità e per come richiamano un certo stile di vita sobrio, la tendenza sembra essere a scegliere porte di legno in colori naturali e neutri, come il panna per esempio.