Il pistacchio di Bronte

Se parliamo di pistacchio il primo pensiero va al comune di Bronte, situato proprio alle pendici dell’Etna, vanta il celebre pistacchio Dop apprezzato in tutto il mondo e vero protagonista della cucina siciliana, dai primi proseguendo con i dolci e persino nei salumi.

Il pistacchio fa parte della famiglia delle Anacardiacee, originario del Medio Oriente, è una pianta longeva che può raggiungere molti metri d’altezza, grazie alla sua adattabilità, viene coltivato nei diversi continenti e naturalmente anche nel bacino mediterraneo.

La sua versatilità in cucina permette di sfruttare tutte le proprietà di cui gode, come le numerose vitamine del gruppo A-B-C ed E, che rallentano l’azione dei radicali liberi, senza trascurare la presenza di sali minerali, indispensabili per il giusto funzionamento dell’organismo, come: Potassio- Fosforo- Magnesio e Calcio.

L’assunzione di frutta secca, contenente grassi monoinsaturi, quali gli Omega 3 e 6, rappresenta un valido aiuto per il sistema cardiovascolare, grazie alla sua azione regolatrice sul colesterolo presente nel sangue.

Il pistacchio come tutti gli altri frutti a guscio, è molto ricco di calorie, parliamo di circa 600 Kcal per soli 100 grammi, quindi meglio non esagerare, specie se si segue una dieta ipocalorica, inoltre attenzione al rischio di allergie, le cui conseguenze potrebbero essere molto serie.