La caldaia fa parte dell’impianto di riscaldamento domestico ed è uno strumento che deve essere trattato con cura e sottostare a un’adeguata manutenzione. Questo anche per legge. Chi non ha provveduto a far controllare la caldaia prima dell’arrivo dell’autunno, ha sbagliato. E’ molto  importante pensare alla manutenzione della caldaia anche nei periodo caldi perché un controllo per tempo può aiutarci ad evitare guasti e malfunzionamenti dell’oggetto.

Se non si controlla la caldaia, potrebbero esserci problemi importanti, che potrebbero anche comportare la sostituzione di pezzi come ad esempio il pressostato. Chi avesse bisogno in merito proprio di questo pezzo può guardare il sito di SM Ricambi

Saper gestire la propria caldaia non è proprio un gioco da ragazzi e chiunque può avere problemi. La  manutenzione può aiutare molto e tra queste operazioni c’è anche la pulizia. Pulire la caldaia è fondamentale per preservarne il funzionamento sul lungo periodo. Adeguate operazioni di pulizia della caldaia possono condurre a ottimi risultati per l’efficienza del nostro strumento.

Ma come si pulisce la caldaia? In questo articolo scopriremo tutto quello che ci sia da sapere in merito alla corretta pulizia di questo strumento.

Strumenti e come fare

La manutenzione della caldaie è una procedura obbligatoria sancita dalla legge. Anche prima delle operazioni compiute da personale specializzato, si può però provvedere tenendo a mente alcune  regole utili per pulire anche da sé la caldaia. Una caldaia ben pulita sarà operativa al 100% e durerà di più. Ma quali sono gli strumenti che servono per pulire da soli una caldaia? Per la pulizia della caldaia si possono adoperare semplici strumenti: un vecchio canovaccio, un pennello nuovo e a setole morbide, un barattolo di alcol disinfettante.

Per pulire la caldaia dobbiamo spegnerla e sganciare il suo pannello frontale. Dovremo quindi pulire l’ugello con il canovaccio bagnato nell’alcol. Con il pennello invece puliremo il bruciatore  dalla polvere, eliminandola accuratamente. Quando il tutto sarà asciugato, chiuderemo il pannello frontale e proveremo ad accendere la fiamma centrale dello strumento per attivare la caldaia.

Perché pulire la caldaia

Abbiamo capito come pulire la caldaia provvedendo da noi in poco tempo. Certo le pulizie non sono mai un divertimento e potremmo evitare di doverci dedicare anche alla caldaia.  Ma perché dobbiamo farlo se tanto sono previste dalla manutenzione per legge? Perché può portare diversi vantaggi che vale la pena conoscere. Innanzitutto provvedere a pulire la caldaia per tempo può evitare la comparsa di guasti ad esempio quelli dovuti all’accumulo di calcare sullo scambiatore. Non avere guasti vuol dire non dover chiamare un tecnico per riparare la caldaia e di conseguenza significa risparmiare denaro.

Una caldaia pulita può diventare come nuova, come quando l’abbiamo appena acquistata e porsi come uno strumento a elevato rendimento, che non presenta malfunzionamenti e invece funziona al meglio, permettendo la riduzione delle spese sia di gestione che di consumo. Una caldaia pulita durerà inoltre molto di più nel tempo e potrà accompagnarci per diversi anni.

Di Grey