Ristrutturazioni domestiche: il riscaldamento a pavimento

Riscaldamento pavimento.

Questo tipo di riscaldamento nasce dalla necessità di applicare tecniche innovative nel settore delle costruzioni edili, per un maggior rispetto del risparmio energetico.

Il funzionamento si basa su un semplice sistema di tubi a serpentina nei quali scorre acqua calda, ad una temperatura compresa tra i 30°-40°, collegati ad una caldaia che riscalda il fluido, il tutto è completamente isolato, in modo da non disperdere il calore, ma convogliarlo solo verso l’ambiente da riscaldare.

Un buon riscaldamento del pavimento ha una duplice funzione: quella di riscaldamento in inverno e quella di raffreddamento in estate, inoltre da la possibilità di regolare la temperatura in ogni locale.

Il vantaggio maggiore è dato da un riscaldamento costante su tutta la superficie dell’ambiente dove viene posizionato, grazie alla minima dispersione termica, inoltre diminuisce sensibilmente il rischio d’umidità e di condensa sulle pareti, prevenendo la formazione di muffe.

Molto importante è scelta della qualità dei materiali, i tubi per essere ottimi elementi, devono garantire la durabilità, la resistenza allo schiacciamento ed alla corrosione dell’ossigeno, i migliori sono quelli in rame ed in plastica.

La vera anima di questo tipo di riscaldamento è lo spessore del massetto che ricopre i tubi, minore sarà e più rapidamente il calore raggiungerà l’ambiente da riscaldare.

Se si considera che l’impiantistica viene rinnovata dopo 15-20 anni, è consigliabile l’utilizzo di materiali di valore, le spese necessarie devono essere considerate come investimento per il futuro.

Per approfondimenti sul tema vi rimandiamo il sito della iRebuilding SRLS, società specializzata in pratiche edilizie nelle province di Pescara e Chieti: SCIA, sanatoria edilizia Pescara, sanatoria edilizia Chieti, permesso di costruire, certificato di agibilità, ristrutturazioni, accatastamenti, attestazione prestazione energetica.