Emoglobina bassa, i sintomi principali

L’emoglobina bassa è un valore molto comune all’interno delle risposte delle analisi del sangue. Questo perché le sue cause sono davvero numerose e non sempre legate a una natura patologica. Tuttavia è importante approfondire il prima possibile, così da curare eventuali carenze.

L’emoglobina è indispensabile al nostro corpo, perché è lei che trasporta l’ossigeno a tutte quante le cellule del nostro corpo. Quando i suoi valori sono bassi significa che vi è una carenza di ossigeno nell’organismo.

I valori dell’emoglobina cambiano in base a sesso e età. Prendiamo infatti come esempio un uomo e una donna coetanei. L’uomo, ha valori di emoglobina bassi quando sono al di sotto dei 12 g/dl. La donna invece ha valori bassi quando sono sotto gli 11 g/dl. Per i bambini il valore di riferimento è di 10 g/dl.

Sintomi dell’emoglobina bassa
Sono molti i sintomi collegabili all’emoglobina bassa. Essi infatti sono il campanello d’allarme, quello che ci vuole avvisare che nel corpo vi è una carenza di ossigeno, il quale non arriva bene a organi e tessuti. Tra i sintomi più comuni troviamo il mal di testa e la vertigine, causate da un apporto basso di ossigeno al cervello. Tachicardia, per una scarsa ossigenazione del cuore. Debolezza e stanchezza, quando l’ossigeno ai muscoli è scarso.

Cause dell’emoglobina bassa

Le cause dell’emoglobina bassa possono essere tante. Le due macrocategorie sono: cause non patologiche e cause patologiche. Nel primo gruppo rientrano ad esempio quei valori alterati da cause non correlate in modo diretto a una malattia. Può trattarsi ad esempio di una reazione fisiologica dopo un intervento chirurgico oppure, di una risposta a un trattamento anti cancro. Anche l’età può influire, così come la gravidanza o un ciclo mestruale molto abbondante. Diete vegane e vegetariene causano una carenza di ferro e di conseguenza di emoglobina.

Si parla invece di cause patologiche quando l’emoglobina bassa è causata ad esempio da patologie del sangue e dei reni, da un mal funzionamento della ghiandola tiroidea o da un’infezione.