3 consigli per la tua ristrutturazione

Scegli uno stile unico per tutta la casa

La prima cosa che devi fare quando pensi alla tua casa ristrutturata è lo stile dell’arredo che deve esser univoco. Questo vuol dire che quando devi ristrutturare a Roma no puoi cambiare stili da una stanza all’altra ma devi scegliere un filo conduttore che renda tutto l’insieme armonioso, questo non toglie che in un ambiente possano esserci dei richiami o dei dettagli che un po’ si discostano dallo stile che hai scelto, come la libreria con le cassette delle frutta che è un po’ più rustico o la base del lavandino del bagno realizzata con un vecchio comò che invece è più modernariato / shabby chic.

Non posare troppi pavimenti diversi

Quando devi ristrutturare a Roma non posare dei pavimenti troppo diversi ma anzi, il consiglio è quello di scegliere un solo tipo di pavimento in legno e un solo tipo di piastrelle, escluso quello per il rivestimento dei muri del bagno. Il motivo è creare continuità tra un ambiente e l’altro. Inoltre, scegliere pavimenti uguali il più possibile ti aiuta a ricevere anche degli sconti sulla quantità magari. Se hai pavimentazioni tutte uguale è più facile riciclare gli avanzi della posa di una stanza in quella successiva.

Opta per soluzioni low cost

Sono diverse le soluzioni low cost che puoi adottare mentre devi ristrutturare a Roma. Anzitutto, invece di usare sempre e solo mattoni e cemento, che sono costosi e richiedono diverse ore di lavorazione, scegli il cartongesso che è molto veloce da posare e ha un costo minore. Con il cartongesso ci puoi realizzare diverse soluzioni senza dover ricorre a materiali più costosi: coibentare la casa, isolare acusticamente ma anche soluzioni di design come pareti attrezzate, libreria muro, cucine in struttura e moltissimo altro ancora. Per risparmiare ancora sulla tua ristrutturazione puoi anche optare per il pavimento in laminato invece che quello in parquet poiché costa notevolmente meno, soprattutto se sei alla ricerca di effetti particolari come lo sbiancato. Il laminato è più economico e ha subito trattamenti che lo rendono più resistente, anche all’acqua.